HOME FORUM SALAGIOCHI MEDIA GALLERY FACEBOOK SITEMAP



Vai indietro   ♥ BR3 Games ♥ > Sezione Festività > Speciale Natale
Non ricordi la Password?? Unisciti a noi!

Non registrato
Benvenuto/a su BR3games......Buona navigazione

Avvisi

RispondiScrivi nuova discussione
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 02-12-10, 15:22   #1
koalita
 
L'avatar di koalita
 
Data registrazione: Sep 2009
Località: Reggio Calabria
Messaggi: 173(0%)
View koalita's Profile   View koalita's Photo Album   Add koalita's to Your Contacts   View Social Groups
koalita

Vetrina Premi


Umore
Reading

koalita non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito Natale nel mondo

Il Natale in Cina

Particolare in Cina è la ricorrenza delle festività, un esempio ” quinto giorno della quinta luna”, “quindicesimo giorno dell’ottava luna”, ovvero tutte le festività sono rivolte alle fasi lunari. Il settimo giorno della settima luna, ad esempio, corrisponde al nostro S. Valentino. Altre festività riguardano i giorni 1 Ottobre, 1 Gennaio, 1 Maggio, che corrispondono a Feste Nazionali. I cinesi hanno un forte legame con le loro tradizioni e vivono molto intensamente le festività che sono legate alle fiabe, alle leggende e ai racconti che tramandano da generazione in generazione. “Il quindicesimo giorno dell’ottava luna” corrisponde al “Festival di Metà Autunno” e si festeggia in famiglia con i parenti, si tratta una festa molto sentita, simile al nostro Natale dove le famiglie si riuniscono e portano in dono Moon Cake e Tortini della Luna che corrispondono al nostro panettone. I Moon Cake, sono dei tortini salati a forma circolare, fatti di zucchero, noci,sesamo,uova, prosciutto,semi di loto,petali di fiori ed ingredienti a scelta che rappresentano la luna, e la loro forma circolare equivale al simbolo della riunificazione.

I cinesi non hanno l’abitudine di scambiarsi regali materiali, è un popolo molto spirituale con un proprio credo quasi una sorta di arcaica adorazione per il cibo che corrisponde al loro dono. Il binomio tra la tradizione popolare cinese e le festività nazionali ufficiali sta prendendo piede nelle abitudini cinesi e sta soprattutto rafforzando quello che è il benessere economico del paese. Infatti le festività tradizionali sono un ottimo incentivo per una maggiore crescita verso i consumi interni, un po’ come succedeva nei paesi occidentali nel dopo guerra e nel periodo del boom economico. Stanno cambiando anche le abitudini di molte famiglie cinesi che stanno abbracciando il pensiero “occidentale” basato anche sul consumismo. Proprio sulla base di questa considerazione, dobbiamo dire che il Natale sta diventando sempre piu’ una festa anche per i cinesi, da “copiare”, almeno per quanto riguarda il lato legato al consumismo e al profitto. L’atmosfera cinese infatti si puo’ sentire e vedere anche in Cina, dagli addobbi che sono presenti nei supermercati, ristoranti,alberghi, ma anche palazzi pubblici, addirittura, in alcune vie, superano gli addobbi occidentali, soprattutto sono caratterizzati da quella fantasia che rende unici i cinesi. I cinesi sono anche un popolo simpatico; se vi capita di trovarvi in Cina in questo periodo, noterete, a differenza nostra, che passata l’Epifania, tutto resta decisamente uguale, questo perchè i cinesi non tolgono gli addobbi e se vi capita di essere in Cina anche ad agosto, comunque respirerete la stessa aria natalizia.

Il giorno di Natale in Cina, il nostro 25 dicembre, corrisponde ad un normalissimo giorno di lavoro, nessuno si affretta a correre per le strade, nessuno si scambia gli auguri, niente file nei negozi, però è comunque Natale. Ciò nonostante sono davvero tanti gli alberi di Natale addobbati a festa con sfavillanti luci e tante, tantissime palline colorate. Alle finestre e alle cornici dei palazzi vengono appesi i festoni, infatti non dobbiamo dimenticare che è proprio la Cina a produrre circa l’80% di tutti gli addobbi nel mondo, inclusi i giocattoli, i vari regali, con tutte le nostre titubanze e riserve che riguardano proprio i loro prodotti. Questo è il Natale Cinese, forse inespressivo, sicuramente poco consono alle nostre abitudini, sicuramente un Natale che non ha nulla a che vedere con il Natale Cristiano, però “Natale è sempre Natale, ovunque nel mondo tu sei, Natale è Natale se lo vivi con il cuore”.
  Rispondi citando
  #1.5

Bot

Posting ADS
 
 
Data registrazione: Da Sempre
Località: bot
Messaggi: Tanti

bot is online  
Vecchio 02-12-10, 15:26   #2
koalita
 
L'avatar di koalita
 
Data registrazione: Sep 2009
Località: Reggio Calabria
Messaggi: 173(0%)
View koalita's Profile   View koalita's Photo Album   Add koalita's to Your Contacts   View Social Groups
koalita

Vetrina Premi


Umore
Reading

koalita non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito

Il Natale in Nigeria: credenze e tradizioni

L’Africa non è soltanto savana, tramonti suggestivi con il sole che sembra incendiare l’orizzonte o spiagge dalla sabbia fine e le acque cristalline. In questo continente così grande e dalle diverse culture, la tradizione del Natale è molto sentita, nonostante coesistanto diverse culture religiose che, comunque, di solito riescono a convivere in armonia. In Nigeria, ad esempio, la sera del 24 dicembre le principali famiglie del villaggio si riuniscono insieme ad anziani e conoscenti e non pensano alle differenze di età e di culto, perchè l’unica cosa che conta è rimanere insieme. Proprio in tale occasione, del resto è abitudine comune quella di lasciare l’uscio di casa socchiuso, in modo che possa entrare chiunque a festeggiare e per il Natale 2010, fervono già i preparativi. Ci si scambiano i regali come da noi, solo che spesso consistono in cibi crudi o cotti. Si donano, inoltre, vestiti soprattutto per i bambini e si riceve molto di più del necessario. Per questo tale periodo dell’anno, è considerato di buon augurio.


L’Africa non è soltanto savana, tramonti suggestivi con il sole che sembra incendiare l’orizzonte o spiagge dalla sabbia fine e le acque cristalline. In questo continente così grande e dalle diverse culture, la tradizione del Natale è molto sentita, nonostante coesistanto diverse culture religiose che, comunque, di solito riescono a convivere in armonia. In Nigeria, ad esempio, la sera del 24 dicembre le principali famiglie del villaggio si riuniscono insieme ad anziani e conoscenti e non pensano alle differenze di età e di culto, perchè l’unica cosa che conta è rimanere insieme. Proprio in tale occasione, del resto è abitudine comune quella di lasciare l’uscio di casa socchiuso, in modo che possa entrare chiunque a festeggiare e per il Natale 2010, fervono già i preparativi. Ci si scambiano i regali come da noi, solo che spesso consistono in cibi crudi o cotti. Si donano, inoltre, vestiti soprattutto per i bambini e si riceve molto di più del necessario. Per questo tale periodo dell’anno, è considerato di buon augurio.

In Nigeria, hanno molta importanza pure i giorni che precedono il Natale, perchè in quel periodo dopo una preparazione durata per settimane, le ragazze iniziano a girare di casa in casa, ballando e cantando e lasciandosi accompagnare da melodie suonate con i tamburi. Bisogna specificare, però, che non tutto il Paese rispetta le credenze del periodo natalizio, in quanto le religioni in loco sono veramente tantissime.

Una buona parte degli abitanti, però, ha un credo cristiano e, quindi, sente fortemente l’evento della Natività. Come è costume un pò in tutta l’Africa, di fronte ad un racconto che rievoca un fatto storico legato alla fede, bisogna festeggiare in grande, portando in scena tutte le proprie tradizioni musicali e artistiche e si lavora per tanti mesi dell’anno, per mettere su uno spettacolo perfetto e in linea con le personali tendenze religiose. Il clima, però, è ben differente dal nostro e forse anche per questo non si è diffuso l’utilizzo pagano dell’albero di Natale e, del resto, non esiste neppure la romantica immagine dei parenti riuniti davanti al focolare, visto che le temperature sono ben più alte delle nostre. Qualche volta, però, non mancano i presepi stilizzati e intagliati a mano con il legno.
  Rispondi citando
Vecchio 02-12-10, 15:28   #3
koalita
 
L'avatar di koalita
 
Data registrazione: Sep 2009
Località: Reggio Calabria
Messaggi: 173(0%)
View koalita's Profile   View koalita's Photo Album   Add koalita's to Your Contacts   View Social Groups
koalita

Vetrina Premi


Umore
Reading

koalita non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito

Natale in Argentina.Tradizioni e curiosità

E’ facile approdare in Argentina, a Buenos Aires per vivere in maniera diverse le festività natalizie e scoprire subito El Dorado, assaporando come prima cosa il dulce de leche mentre con in naso all’insu’ si cerca di capire dove va a finire il cielo. Ai piedi dell’obelisco c’è sempre un gigantesco albero di Natale bianco ma quello che davvero impressiona è la differenza termica, ma ancor di più il menù del cenone di Natale, visto che pur di mantenere le tradizioni, i piatti sono identici a quelli consumati da noi a pochi gradi, ovvero tagliolini in brodo e zuppa di lenticchie. Però è possibile anche decidere di abbandonare la tradizione e festeggiare il Natale mangiando anguria e ciliegie, col sole e con il caldo, soprattutto ballando il tango per le vie a festa. Ma l’Argentina non è solo Buenos Aires, si puo’ infatti anche decidere per Santa Fe, situato in riva al fiume Paranà, e chi porta i regali non è Babbo Natale ma “el ninito Jesùs”, poi il 25 asado nel Club piscina o direttamente a fare il bagno nel fiume.

Per i bambini argentini il Natale è sicuramente strepitoso, finisce la scuola, arriva il Natale, i regali, il caldo, e tre lunghi mesi di vacanza. La corsa ai regali di Natale in Argentina risulta essere meno frenetica rispetto ad altri paesi inclusa l’Italia, infatti in Argentina quello che davvero conta è la sacralità del Natale. In Argentina, lo sappiamo, vivono tantissimi italiani, nonni,bisnonni,trisnonni,italiani arrivati dal sud, e le tradizioni anche culinarie, quindi non mancano, dalla pasta fatta in casa, agli spaghetti, al mandolino. Inoltre Buenos Aires risulta essere una delle città piu’ economiche al mondo, quindi è alla portata di tutti o quasi. Trascorre in Natale in Argentina significa comunque trascorrere un Natale fuori dal comune, tra spazi incontaminati, ambienti naturali, ed interessante è addentrarsi proprio nell’anima piu’ selvaggia dei suoi paesaggi. Il paese si snoda lungo la Ruta 40, la strada piu’ lunga e spettacolare del Paese, che lo attraversa da Nord a Sud, a ridosso della Cordigliera andina. Ci sono alcune tappe fondamentali da non perdere assolutamente come la Foresta Pietrificata di Colonia Sarmiento, per arrivare poi al Canyon del Rio Pinturas, dove si possono vedere bellissime pitture rupestri, le Cuevas de las Manos Pintada (Grotte dalle Mani Dipinte). Basta proseguire per vedere i meravigliosi e pittoreschi Laghi Posades e Pueyrredon, situati ai piedi del Monte San Lorenzo. Un’altra visita sempre da non perdere è quella del Parco Nazionale Perito Moreno, concedendosi per l’occasione una sosta al Lago Belgrano, e proseguendo poi attraverso i paesaggi incontaminati di tutta la Patagonia, con vista sul versante sud del Cerro di San Lorenzo.

Sposandosi ancora a Sud, verso la zona dei ghiacciai, ci si trova circondati da immense distese di cespugli caratteristici della “pampa patagonica”, dove sorge il villaggio di El Chalten, ai piedi del Cerro Torre e Fitz Roy. Per gli amanti del trekking si possono fare esperienze decisamente importanti alla Laguna de Los Tres, attraversando fitte foreste, fino ad arrivare, accompagnati dalla vista di splendidi ghiacciai, alla base di Fitz Roy, di fronte alle ripidissime pareti di granito del Cerro Torre. Un’eccitante escursione è anche quella che porta al ghiacciaio Perito Moreno, simbolo della Patagonia Argentina, uno dei pochi ghiacciai sulla Terra cha ha la caratteristica di avanzare e non di retrocedere. Si puo’ arrivare fino al brazo Cristina, presso Estancia Cristina, uno degli ultimi luoghi isolati, dimenticati dal turismo di massa, ma non da noi, che ve lo proponiamo per trascorrere un Natale in Argentina, davvero sopra alle righe, diversamente, come abbiamo detto, qui in Argentina, la tradizione italiana, è di casa!
  Rispondi citando
Rispondi


Utenti attualmente attivi che stanno vedendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 visitatori)
 
Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivo/e
Faccine sono Attivo/e
Il codice [IMG] è Attivo/e
Il codice HTML è disattivato

Salto Forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 22:51.

Powered by vBulletin® Version 2020
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione in Italiano: P2psin.it & Cionfs.it

Skin By vB Skins
Friends of Webmaster Resources Copyright ©2009 ♥ BR3 Games ♥ All rights reservedNavbar with Avatar by Motorradforum
Cultural Forum | Study at Malaysian University