HOME FORUM SALAGIOCHI MEDIA GALLERY FACEBOOK SITEMAP



Vai indietro   ♥ BR3 Games ♥ > Discussioni Generali > Miracoli Misteri
Non ricordi la Password?? Unisciti a noi!

Non registrato
Benvenuto/a su BR3games......Buona navigazione

Avvisi

Miracoli Misteri Le domande sono infinite.Le risposte?

RispondiScrivi nuova discussione
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 02-01-13, 22:35   #1
alabianca
 
L'avatar di alabianca
 
Data registrazione: Aug 2009
Località: verona
Messaggi: 1836(2%)
View alabianca's Profile   View alabianca's Photo Album   Add alabianca's to Your Contacts   View Social Groups
alabianca

Vetrina Premi


Umore
Yeehaw

alabianca non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito storie..

Quella sera ero particolarmente teso, ricordo che il motivo di tale tensione fu l’ennesima discussione con la mia ex: Francesca (nome di fantasia per ovvi motivi). Ricordo bene di quel periodo che poche cose come il discutere con lei mi agitavano in quel modo. Dopo le classiche parole dettate dalla rabbia e utili solo a chiudere una comunicazione e non certo a risolvere un problema, mi sedetti al pianoforte. Poggiare le mani sulla tastiere e lasciarle andare così, a caso, assumeva quasi le sembianze di un training autogeno, riuscivo a rilassarmi e in poco tempo riprendere la via della comprensione. Bastavano pochi minuti passati ad “acciaccare” tasti per trarre un immediato beneficio, ma quella sera qualcosa davvero non funzionava, neanche quella “comprovata” terapia olistica sembrava dare risultati. Mi fermai, poggiai le mani sulla tastiera, nella stanza ancora si potevano percepire le vibrazioni lasciate nell’aria dalle ultime corde suonate. Fu in quel momento che percepii sulla parte posteriore del mio collo come un leggero alito, mi girai convinto che fosse Francesca, ma non vidi nessuno…mi passai una mano alla base della nuca come a voler cancellare quella reale sensazione provata un attimo prima. La cosa mi aveva scosso, ma cercai di cambiare immediatamente direzione ai miei pensieri. Comincia a pensare alla mia relazione con Francesca, una sorta di piccolo bilancio esistenziale. Erano due mesi che ci frequentavamo ed ognuno conosceva molto poco dell’altro, era quindi inevitabile che uscissero fuori incomprensioni spesso determinate solo dalla poca conoscenza reciproca. Continuavo a pensare a lei e provavo come un senso di colpa per le dure parole che le avevo pronunciato poco prima, mi accadeva spesso di provare quel senso di colpa nei suoi confronti soprattutto dopo una discussione tanto inutile quanto gestita in malo modo dal sottoscritto, ma il mio arrogante e stupido orgoglio mi imbavagliava, mi rendeva muto, mi teneva come sottovuoto in una capsula di becera incomunicabilità. Ero immerso in quei pensieri e fu ad allora che si “ripresentò” ancora una volta quel leggero alito sul mio collo, ma questa volta rimasi fermo, passarono pochi attimi e quel lieve respiro prese sempre più corpo fino a farmi percepire la sua presenza alle mie s*****. Non mi voltai, chiesi con voce serena, come se parlassi a qualcuno che fosse “realmente” dietro di me cosa volesse. Non ottenni nessuna risposta, continuai a fissare la tastiera del pianoforte senza voltarmi, quel respiro aumentava d’intensità fino a diventare percepibile anche al mio udito, ero terrorizzato e forse per questo non riuscivo a muovermi da quella posizione. Pochi istanti ancora e una voce che non aveva nessuna “provenienza” cominciò a canticchiare un motivetto, la voce era nella mia testa, era dentro di me, non la percepivo dall’esterno come poteva accadere normalmente se ci fosse stato qualcuno vicino a me a canticchiare. Quella voce cominciò a ripetere quella nenia senza fermarsi mai, come fosse un anello continuo, sembrava volermi spingere a suonare quelle note ed io, se questo era il suo volere, volli accontentarla. Cominciai a ripetere quel motivo sul piano fino a prendere la sua stessa cadenza, fino a fondere le note del pianoforte con quella voce che si era impadronita della mia testa, ormai eravamo una sola cosa, il mio respiro sembrava essersi adattato al “suo” respiro, il ritmo ora era perfettamente sovrapposto. Proprio in quell’istante la voce di Francesca “spezzò” quel particolare “duetto”. “…come fai a conoscere questa musica?” mi disse facendomi quasi saltare dallo sgabello. Risposi che non la conoscevo, che era uscita dalle mie mani per puro caso, evitai di proposito di raccontarle tutta la vicenda. Lei mi guardò e cominciò a piangere. Mi alzai e avvicinandomi le chiesi il perché di quel pianto. “…mio padre era un insegnante di pianoforte e questa musica la compose per me quando io nacqui…lui me la cantava sempre la sera quando mi metteva a letto…non so come tu abbia potuto suonare proprio queste note…ma è assolutamente quella musica…” mi spiegò tra le lacrime. Per un attimo rimasi senza parole, non sapevo se raccontarle tutto o meno, certo, sentivo di doverle dare una spiegazione, ma quale potesse essere una spiegazione plausibile proprio l’ignoravo, allora le presi la testa tra le mani e feci del tutto per convincerla che forse l’avevo inconsciamente memorizzata magari sentendola canticchiare proprio da lei, e che ora era uscita così di getto dalla mia memoria. Lei prese questa mia teoria per buona, si asciugò le lacrime e prima di uscire dalla stanza si voltò e mi disse: “…eppure per un attimo quando sono entrata ho sentito il profumo di mio padre…”. Le sorrisi e avrei voluto risponderle che non si era sbagliata ma avrebbe solo peggiorato dannatamente le cose.

Arthur Zeller
  Rispondi citando
  #1.5

Bot

Posting ADS
 
 
Data registrazione: Da Sempre
Località: bot
Messaggi: Tanti

bot is online  
Vecchio 02-01-13, 22:42   #2
alabianca
 
L'avatar di alabianca
 
Data registrazione: Aug 2009
Località: verona
Messaggi: 1836(2%)
View alabianca's Profile   View alabianca's Photo Album   Add alabianca's to Your Contacts   View Social Groups
alabianca

Vetrina Premi


Umore
Yeehaw

alabianca non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito Riferimento: storie..

La nostra vita terrena è un viaggio a termine...
Quello che seminiamo nel percorso diverrà il raccolto della nostra anima che dopo il nostro arrivo a destinazione proseguirà il suo eterno viaggio in un altro corpo...
Chi avrà cura di seminare il bene, contribuirà a rendere migliori coloro che ci sostituiranno...
Arthur Zeller
  Rispondi citando
Vecchio 02-01-13, 23:25   #3
alabianca
 
L'avatar di alabianca
 
Data registrazione: Aug 2009
Località: verona
Messaggi: 1836(2%)
View alabianca's Profile   View alabianca's Photo Album   Add alabianca's to Your Contacts   View Social Groups
alabianca

Vetrina Premi


Umore
Yeehaw

alabianca non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito Riferimento: storie..

Quando ti addormenti, resti serena nel tuo letto...la tua anima si stacca da te per proteggerti...è lei che vivrà nei tuoi sogni, cercando di lasciarti il ricordo di quelli più belli e facendo del tutto per cancellare la sofferenza di quelli più brutti...
Arthur Zeller
  Rispondi citando
Vecchio 03-01-13, 02:21   #4
alabianca
 
L'avatar di alabianca
 
Data registrazione: Aug 2009
Località: verona
Messaggi: 1836(2%)
View alabianca's Profile   View alabianca's Photo Album   Add alabianca's to Your Contacts   View Social Groups
alabianca

Vetrina Premi


Umore
Yeehaw

alabianca non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito Riferimento: storie..

Sette giorni per raggiungerti...

Ho provato in tutti i modi a capire queste sensazioni che si stanno impossessando di me, ho sfogliato i pensieri più superficiali fino ad arrivare a quelli più complessi...
Il primo giorno la tua voce si è espansa dentro me scivolandomi sull'anima senza nessun attrito.
Il secondo giorno l'eco della tua voce e delle tue risate mi strappava inattesi quanto improbabili sorrisi.
Il terzo giorno hai parlato di te...di noi, aprendo così un varco ricoperto di fitta vegetazione, sono sceso anch'io su quel sentiero rimasto nascosto alle nostre menti per tanto tempo.
Il quarto giorno su quel tortuoso e sinuoso sentiero i nostri sguardi si sono incrociati senza avere passato e sono penetrati l'uno nell'altro.
Il quinto giorno una pellicola correva velocemente regalandoci visioni accantonate, immagini lontane ma con sensazioni vicinissime.
I sesto giorno la razionalità ha tentato di soffocare i sogni.
Il settimo giorno è stato amore, sono arrivato lì dove ho trovato te ad attendermi, senza nessuna spinta estranea, tu eri già lì seduta...ti chiedo scusa amore mio se ho impiegato sette giorni per raggiungerti.

Arthur Ze
  Rispondi citando
Vecchio 03-01-13, 08:53   #5
alabianca
 
L'avatar di alabianca
 
Data registrazione: Aug 2009
Località: verona
Messaggi: 1836(2%)
View alabianca's Profile   View alabianca's Photo Album   Add alabianca's to Your Contacts   View Social Groups
alabianca

Vetrina Premi


Umore
Yeehaw

alabianca non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito Riferimento: storie..

Quando il silenzio ti è amico...

"...si dice che il tempo possa cancellare tutto, rimarginare ferite, rimettere tutti i tasselli al loro posto...ma tutto questo è possibile solo se c'è in noi quella volontà e il più delle volte siamo noi stessi a remare contro tale "guarigione"...
cerchiamo una ragione lì dove non esiste e allora l'illusioni prendono il sopravvento su tutto...cerchiamo di capirci...di capire ed ascoltare chi magari vuole esserci d'aiuto...ti circondi di persone...amici...ma più vai avanti e più ti senti solo...l'unico vero amico che cerchi è il silenzio ed è proprio lui, quello che credi essere il tuo miglior alleato, a scavarti sotto i piedi fino a farti andare sempre più in basso, sempre più vicino al fondo, sempre più al buio...e quella discesa ti da la consapevole sensazione di avvicinarti all'inferno...ma in quel buio ti senti bene, non vedi e non senti nessuno, di colpo cessano tutte le angoscie, i tuoi dolori, i tuoi tormenti...hanno paura a scendere "lì sotto" anche loro...è paradossale ma a volte nell'inferno puoi trovare quella pace che cerchi...anche l'entusiasmo di chi ti vuole bene incontra la tua aridità...la tua indifferenza è totale, spaventosamente pericolosa...non credo che il tempo ti possa aiutare se si cerca di fuggire dal tempo stesso...imparare a convivere con te stesso senza comprenderti, senza accettarti...alimentare un corpo che vive il quotidiano scontro tra la razionalità e la sua anima...quando la tua volontà di farti male supera quella di voler guarire credo che tutto sia inutile...è come un accanimento terapeutico che non porta da nessuna parte...o forse ad una sola destinazione...".

Arthur Zeller
  Rispondi citando
Vecchio 26-04-13, 23:33   #6
alabianca
 
L'avatar di alabianca
 
Data registrazione: Aug 2009
Località: verona
Messaggi: 1836(2%)
View alabianca's Profile   View alabianca's Photo Album   Add alabianca's to Your Contacts   View Social Groups
alabianca

Vetrina Premi


Umore
Yeehaw

alabianca non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito Riferimento: storie..

Appena sposati andammo a vivere in una cascinettra ristrutturata, (divenuta una villetta, con sotto i garage, piano superiore abitazione e in altro il sottotetto (che sistemato, poteva essere abitabile)all'esterno un bel cortile cementato e uno spazio con tetto ove vi era deposta molta legna.
Allora fin qui pare tutto normale una vecchia cascina ristrutturata che ha mai di strano?
Ecco ora vi racconto: le cose strane che avvenivano in quelle casa, tanto per iniziare a mezzanotte in punto, gli orologi della casa e il mio da polso (premetto che era eletronico, quindi non doveva fermarsi), bè dalla mezzanotte fino a l'una gli orologi si femavano un ora, per poi riprendere tranquillamente il loro regolare funzionamento.
Ora non sò darvi una reale motivazione, ma ho fatto controllare sia gli orologi di casa e il mio da polso e il loro funzionamento era perfetto, solo quello di mio marito funzionava regolarmente.
Fatto strano della casa o un avviso a me (che ho doti particolari?..) non si sà, ma cambiando casa, (chiariamo che gli orologi eran sempre gli stessi)non è più successo.
Altra stranezza di quella casa, (premetto che era isolata, tutt'attorno campi, non vi erano altra abitazioni sui lati, solo dall'altro lato della strada vi era un piccolo ristorante. Bè spesso si vedevano ombre di persone o nel corridoio o passare dietro le porte a vetri, ma in casa non vi era nessuno. Dalle finestre non poteva passare qualche effetto di luce (controlato pure quello)..
Allora di cosa si trattava
Il sottotetto, per anni utilizzato dai proprietari per accatastare legna e poi in seguito avevano tenuto un allevamento di piccoli animali, era stato pulito, dotato di un impianto di luce da mio padre e dal mio ex marito, quindi tutto pulito, il tetto non aveva aree da dove si potevan accedere sia persone o animali, (le piccole finestre erano ben chise).
Si accedeva al sottotetto attraverso una botola, con scala sali-scendi, all'interno della casa, bè io più volte ho tentato si salire anche per vedere come fosse il sottotetto (dato che era abitabile) e per fare eventuali modifiche, renderlo vivibile, ma nulla da fare... arrivata all'ultimo gradino, (in pratica solo la testa era in quello spazio) una forza misteriosa, mi bloccava facendomi mancare il respiro (era proprio come se due mani invisibili tentassero di stringermi il collo, facendomi mancare il respiro).
Sul momento credevo fosse solo una mia percezione, ma altre persone, amicizie che frequentavano casa mia, han provato a salire ed hanno avuto la medesima sensazione, (premetto che non erano state avvisate del fatto, quindi non erano prevenute).
Accadevano altri fatti strani, sempre da sopra si sentivano molti rumori, sia di giorno, ma soprattutto la sera e notte (forse perchè c'è anche più silenzio), non erano rumori leggeri (come si potesse pensare che magari qualche piccione o uccellino, filtrasse in solaio), ma rumori forti, tipo lanciare sedie,mobili o sbattere sul pavimento ( come se qualcuno stesse litigando), eppure sopra non c'era nessuno.
Questi rumori fortunatamente non li sentivo solo io (altrimenti sarei passata per pazza ), parlandone con mio padre, decise di spargere della farina bianca su tutto il perimetro del sottotetto, per vedere se magari qualche animaletto era riuscito ad accedere in qualche modo e creare questi rumori), ma non vi era nessun mobile o altre cose che potessero fare tanto baccano , la sera i rumori si ripetevano, il giorno dopo controllando il solaio se vi erano impronte di qualsiasi genere NIENTE, non vi era assolutamente niente .
Increduli e senza risposta, andammo avanti cosi, ogni sera. Adottammo un cane (un pastore tedesco), e più avanti un cagnolino abbandonato, entrambe sia di giorno che di notte ringhiavano verso la botola,stavano sul letto vicino a noi e sempre col muso all'insù verso il soffitto ringhiando..
E allora non eravamo solo noi a sentire questi rumori, (e si sà per certo che gli animali hanno una notevole sensitività, vedono, sentono e percepiscono fatti, prima e meglio di noi).
Quindi cosa accadeva in quella casa, o cosa qualche entità cercava di trasmetterci
Una sera a cena invitammo un prete amico di mio marito (tra l'altro esorcista autorizzato), gli parlammo di quanto accadeva e gentilmente gli chidemmo di benedire la casa.
Bè carissimi non ci crederete ma.... questo prete si ha benedetto le varie stanze, ma arrivato davanti alla botola (abbiamo aperto la porticina che la teneva chiusa a fatto scendere la scaletta)... ha cambiato espressione dicendo che non c'era bisogno di benedire anche il solaio e che molto probabilmente erano solo nostre sensazioni.. poi molto velocemente disse che era tardi e doveva andare
Altra cosa il cane, quando lo lasciavamo libero nel cortile, grattava insistentemente in una piccola fessura del cemento, strano ma sotto si vedeva il vuoto, come se vi fosse uno altro locale sottostante.
Chiedemmo ai proprietari se avessero fatto delle modifiche a quella casa e che storia avesse. Bè in effetti ci raccontarono che in tempo di guerra era una cooperativa, ove si riuniva le persone a ballare e far riunioni, sottostante vi erano degli scantinati e un pozzo che hanno chiuso, le scale per accedervi si trovavano vicino allo spiazzo col tetto in cortile (dove vi era accatastata la legna), ma chissà perchè avevano cementato tutto. (e il perchè non l'hanno detto)
Ci rassegnammo a vivere ogni giorno e notte , con questi strani eventi, finchè riuscimmo a trasferirci in città.
La casa fù data in affitto a nostre conoscenze (dato che non essendo ancora scaduto il contratto, dovemmo far subentrare altre persone), bè carissime perline e perlini, pure loro sentivano questi rumori .
Non sò poi cosa sia successo e se questi fenomeni si sian ripetuti, sò solo che pure questa famiglia se n'è andata appena possibile da un altra parte
  Rispondi citando
Vecchio 12-11-15, 19:08   #7
CORVOROSSO
 
L'avatar di CORVOROSSO
 
Data registrazione: Aug 2012
Messaggi: 859(1%)
View CORVOROSSO's Profile   View CORVOROSSO's Photo Album   Add CORVOROSSO's to Your Contacts   View Social Groups
CORVOROSSO

Vetrina Premi


Umore
In Love

CORVOROSSO non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito Riferimento: storie..


ECCOVI LA LISTA DI TUTTO QUELLO CHE DOVETE CHIEDERE AGLI ARCANGELI




GLI ARCANGELI SONO QUI PER AIUTARCI, e possono SOLO SE CHIEDIAMO!

Eccovi quindi la lista, segnatevela da qualche parte e condividetela con più persone care possibili! Dobbiamo tutti sapere di loro e giovare del loro aiuto. Perchè tutti noi lo meritiamo.

Arcangelo Ariel: rivolgetevi a lui per conoscere meglio gli esseri soprannaturali, per ottenere aiuto su questioni di carattere ambientale, o per curare e guarire un uccello ferito o un qualsiasi altro animale.

Arcangelo Azrael: invocatelo affinchè affianchi i vostri defunti o i vostri cari ormai in fin di vita e perchè vi stia accanto nel vostro percorso religioso.

Archangelo Chamuel: rivolgetevi a lui per trovare un nuovo amore, nuovi amici, un nuovo lavoro o un oggetto smarrito.

Arcangelo Gabriele: invocatelo per superare la paura derivante dai rapporti con il prossimo o legata ad aspetti del concepimento, dell’adozione, della gravidanza e della prima infanzia.

Arcangelo Haniel: invocatelo ogniqualvolta desiderate aggiungere grazia e ciò che ne consegue (pace, serenità, apprezzamento per la compagnia di buoni amici, bellezza e armonia) alla vostra vita. Potete chiedere aiuto ad Haniel anche per affrontare situazioni nelle quali desiderate essere la personificazione della grazia (ad esempio, nel corso di un colloquio di lavoro o in occasione di un appuntamento galante).

Arcangelo Jeremiel: invocatelo se vi sentite spiritualmente “bloccati” e volete ritrovare un genuino entusiasmo mentre percorrete il sentiero della fede. Jeremiel inoltre aiuta a imparare a perdonare.

Arcangelo Jophiel: invocatelo prima di intraprendere un progetto artistico, o un progetto il cui scopo è quello di rendere il pianeta più bello eliminando l’inquinamento. Chiedete a Jophiel di affidarvi incarichi in tal senso.

Arcangelo Metatron: invocatelo per qualsiasi tipo di aiuto desiderate per i vostri figli. Metraton inoltre aiuta i bambini Cristallo e Indaco a mantenere vivi i loro doni spirituali.

Arcangelo Michele: invocatelo se avete paura per la vostra sicurezza personale o se non trovate il coraggio per apportare nella vostra vita i cambiamenti necessari. Michele aiuta inoltre in caso di problemi di carattere meccanico o elettrico. Può aiutarvi a restare focalizzati sul vostro obiettivo e a darvi il coraggio per arrivare fino in fondo.

Arcangelo Raffaele: invocatelo per qualsiasi ferita o malattia che abbia colpito voi o qualcuno a voi vicino (animali inclusi). Raffaele inoltre assiste i viaggiatori, pertanto invocatelo affinchè vi assicuri un viaggio sicuro e piacevole.

Arcangelo Raguel: invocate il suo aiuto ogniqualvolta vi sentite sopraffatti o manipolati. Rivolgetevi a Raguel anche a nome di un amico vittima di soprusi.

Arcangelo Raziel: rivolgetevi a Raziel ogniqualvolta desideriate comprendere eventuali manifestazioni esoteriche (inclusi i vostri sogni).

Arcangelo Sandalphon: invocatelo per liberarvi dalla confusione spirituale, ascoltate musica rilassante e chiedete aiuto a Sandalphon per sceglierla (la musica).

Arcangelo Uriel: invocatelo ogniqualvolta vi trovate in situazioni difficili e avete bisogno di pensare con chiarezza e di trovare risposte. Uriel aiuta gli studenti che hanno bisogno di assistenza intellettuale.





Arcangelo Zadkiel: invocatelo affinchè vi aiuti a ricordare ogni cosa, inclusa la vostra essenza divina. http://acquario2012.wordpress.com/20...loro-funzioni/
  Rispondi citando
Rispondi


Utenti attualmente attivi che stanno vedendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 visitatori)
 
Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivo/e
Faccine sono Attivo/e
Il codice [IMG] è Attivo/e
Il codice HTML è disattivato

Salto Forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 00:04.

Powered by vBulletin® Version 2019
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione in Italiano: P2psin.it & Cionfs.it

Skin By vB Skins
Friends of Webmaster Resources Copyright ©2009 ♥ BR3 Games ♥ All rights reservedNavbar with Avatar by Motorradforum
Cultural Forum | Study at Malaysian University