HOME FORUM SALAGIOCHI MEDIA GALLERY FACEBOOK SITEMAP

AMAZON GRANDI OFFERTE PER TE." CLICCA QUI "

Vai indietro   ♥ BR3 Games ♥ > Discussioni Generali > Tradizioni, Usi, Leggende e Miti
Non ricordi la Password?? Unisciti a noi!

Non registrato
Benvenuto/a su BR3games......Buona navigazione
Piccolo Supporto

Avvisi

Tradizioni, Usi, Leggende e Miti Come i racconti dei nonni, storie vere o fantasiose per conoscere meglio la nostra bella terra

RispondiScrivi nuova discussione
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 05-03-14, 18:11   #1
alabianca
 
L'avatar di alabianca
 
Data registrazione: Aug 2009
Località: verona
Messaggi: 1835(2%)
View alabianca's Profile   View alabianca's Photo Album   Add alabianca's to Your Contacts   View Social Groups
alabianca

Vetrina Premi


Umore
Yeehaw

alabianca non è in linea
  • Submit Thread to Facebook
Predefinito Festa della renga."

" Festa della renga."

Parona è un piccolo paese del comune di Verona e si può considerare a tutti gli effetti come una parte importante della Valpolicella: sorge lungo il fiume Adige e costituisce il primo paese valpolicellese che si incontra uscendo dalla città di Verona. E' la porta della Valpolicella, si può dire.
Ogni anno, il mercoledì delle ceneri, Parona ospita un'antica festa, che richiama in loco numerose persone da ogni angolo della provincia: la Festa della renga (l'aringa). Ma che cosa può centrare l'aringa, un pesce che vive e viene pescato nei mari del nord Europa, con Parona e la Valpolicella? E' presto detto.
Anticamente, Parona, grazie alla sua privilegiata posizione sull'Adige, costituiva un punto importante della provincia di Verona per il trasporto di merce proveniente dal Trentino Alto Adige. Essa, infatti, quando lo sbarramento della dogana di Ponte Catena, a Verona, impediva ai barcaioli di proseguire, rappresentava per questi un punto di sosta quasi obbligato. Dato che la fermata poteva protrarsi anche per più giorni, i conduttori delle barche erano soliti ristorarsi e pernottare presso le molte osterie di cui Parona era fornita. Spesso, la merce che veniva trasportata era proprio l'aringa, pescata a ben più alte latitudini delle nostre, e casse di questo pesce venivano lasciate come pagamento per il vitto e l'alloggio presso le osterie. Ben presto le osterie presero ad offrire la renga accompagnata da polenta brustolà (abbrustolita), attirando avventori da contrade vicine e lontane, che venivano a gustare il piatto che, oramai, era diventato tipico del paese. Un piatto che, nel corso degli anni, divenne tanto rinomato e inconfondibile che venne istituita persino una ricorrenza, la Festa della renga, appunto. Probabilmente, il fatto che la festa coincida con il mercoledì delle ceneri si spiega con la necessità di "mangiare di magro" del periodo di quaresima.

Da " Cara Valpolesela "
  Rispondi citando
  #1.5

Bot

Posting ADS
 
 
Data registrazione: Da Sempre
Località: bot
Messaggi: Tanti

bot is online  
Rispondi


Utenti attualmente attivi che stanno vedendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 visitatori)
 
Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivo/e
Faccine sono Attivo/e
Il codice [IMG] è Attivo/e
Il codice HTML è disattivato

Salto Forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 04:05.

Powered by vBulletin® Version 2019
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione in Italiano: P2psin.it & Cionfs.it

Skin By vB Skins
Friends of Webmaster Resources Copyright ©2009 ♥ BR3 Games ♥ All rights reservedNavbar with Avatar by Motorradforum
Cultural Forum | Study at Malaysian University